Inbound marketing: la nuova web strategy per la fidelizzazione del cliente

Inbound marketing: la nuova web strategy per la fidelizzazione del cliente

Ultimo aggiornamento il

Come trovare nuovi clienti con il web

Siete alla ricerca di nuovi potenziali clienti? Avete una piccola media impresa e volete far crescere la vostra attività? L’inbound marketing può rappresentare la risposta giusta per vedere aumentare il vostro fatturato. Ma di che cosa si tratta esattamente?

Inbound marketing, outbound marketing, web strategy, keyword, social media, content marketing … ormai il nostro linguaggio è ricco (forse fin troppo) di termini anglosassoni il cui significato, talvolta, non è chiaro fino in fondo. O, forse, ci piace utilizzarli perché hanno un “fascino” diverso rispetto a “strategie integrate per la comunicazione”, “parole chiave” oppure “contenuti per la commercializzazione” e così via. Tutti questi termini hanno comunque il medesimo filo conduttore e sono accomunati dalla stessa finalità: se correttamente utilizzati all’interno delle strategie di crescita di un’azienda possono aiutarci a far crescere il nostro fatturato.

Ma la domanda è: sappiamo davvero cosa significhino per la nostra attività? Sappiamo come utilizzare al meglio le loro potenzialità per aumentare il numero dei nostri clienti? L’inbound marketing può rappresentare la risposta giusta per vedere aumentare il vostro fatturato? Ma cos’è l’inbound marketing esattamente?

Inbound marketing: l’importanza dei contenuti di qualità

L’inbound marketing rappresenta sicuramente uno dei metodi più recenti capaci di sfruttare le potenzialità del web per trovare nuovi possibili clienti, trasformandoli non solo da utenti in “clienti fidelizzati” ma in “inconsapevoli” promoter della nostra attività. Infatti gli ultimi anni hanno visto una profonda trasformazione del modo in cui si possono reperire nuovi clienti, passando dai “contatti fisici”, come fiere, presentazioni, eventi, pubblicità su riviste e giornali (attività conosciute con il nome di outbound marketing) a un vero e proprio “coinvolgimento del potenziale cliente” tramite i siti web.

Qual è quindi la differenza fondamentale fra ieri e oggi?
L’inbound marketing trova potenziali nuovi clienti con la creazione di contenuti di qualità! Infatti uno dei pilastri portanti dell’inboud marketing è proprio quella di produrre testi interessanti per il nostro target, talmente interessanti che saranno i potenziali clienti a contattarci spontaneamente per avere maggiori informazioni. Ma non solo … i contenuti devono essere ritenuti interessanti anche dai motori di ricerca come Google o Yahoo perché scritti in ottica SEO e perché condivisi sui Social Media, aumentandone così la visibilità e, di conseguenza, il possibile interesse.

Le fasi dell’inbound marketing

Tipicamente l’inbound marketing viene suddiviso in 4 fasi, ognuna delle quali rappresenta una specifica azione da intraprendere. Le fasi sono:

  • attirare 
  • convertire
  • chiudere
  • deliziare

Cosa implica ognuna di queste?

Attirare:

una volta identificato il proprio target, si deve cercare di veicolare gli utenti sul proprio sito. In questa fase è fondamentale avere dei testi con ottimi contenuti sul proprio sito web. Naturalmente i testi devono essere scritti in ottica SEO affinché i motori di ricerca possano trovarli facilmente una volta che l’utente ha inserito le parole chiave per la sua ricerca. Per cercare di far apparire la propria attività nella prima pagina di Google, è bene integrare le pagine del proprio sito web con un blog. In questo modo si potranno tenere costantemente aggiornati i propri clienti con le ultime novità, fornendo sempre contenuti ritenuti utili. Questa fase si conclude con il collegamento dal proprio sito verso i Social Media, in modo da cominciare a promuovere effettivamente la propria attività.

Convertire:

significa trasformare l’utente in contatto. Questa fase è molto delicata in quanto si tratta di riuscire a “convincere” l’utente a lasciare i propri dati personali. In questo modo non raccoglieremo informazioni solo sull’anagrafica ma anche informazioni indispensabili per “profilarlo”, per comprendere quali siano le sue abitudini di navigazione e le sue necessità. Solo con contenuti interessanti e pertinenti, magari offerti con l’ausilio di guide o video, supportati da landing page efficaci o da “call to action”, riusciremo a convertire il navigatore in contatto.

Chiudere:

trasformare il contatto in cliente. In questa fase, in base ai dati raccolti e agli interessi dimostrati, bisogna creare dei contenuti mirati per il nostro contatto. A questo scopo si possono utilizzare strumenti come le campagne di direct email marketing o quelli per i Social Media.

Deliziare:

questa forse è la fase più importante di tutto il processo dell’inbound marketing e, incredibilmente, di solito è anche la più sottovalutata. Spesso si crede che con l’acquisizione del cliente si sia raggiunto l’obiettivo. Invece una campagna efficace d’inbound marketing prevede un ulteriore passo: quello di trasformare il cliente in “promotore” dei nostri prodotti/servizi. Cosa significa? Che un cliente soddisfatto pubblicizzerà il nostro brand, parlerà di noi, creando a sua volta dei nuovi potenziali clienti per la nostra attività. Anche in questa fase sono importanti i contenuti: raccogliete l’opinione del cliente, chiedetegli di lasciare una recensione, fatelo sentire importante e continuate a scrivere contenuti a lui dedicati!

Inbound marketing: lo possono fare tutti?

La risposta potrebbe sembrare  un po’ contradditoria perché potremmo dire:

“Certo! L’inbound marketing possono farlo tutti!” Infatti può rivelarsi una scelta strategica vincente soprattutto per le piccole medie imprese che vogliono allargare il proprio portafoglio clienti, magari abbattendo i confini territoriali di Lugano e del Ticino a favore di quelli nazionali o internazionali.

Oppure potremmo rispondere:

“No! L’inbound marketing non può essere fatto da tutti!” Infatti si tratta di una campagna di comunicazione a livello web che deve essere correttamente organizzata e predisposta. Quindi il nostro consiglio è di affidarvi sempre a una web agency professionale e con esperienza per la trasformazione di un utente anonimo in un promoter fidelizzato!

 

GSite web agency richiedi consulenza GSite web agency richiedi consulenza